Novità Conservatorio Offerta formativa Eventi International Amministrazione trasparente Booking Contatti
A- A A+

Docenti

Renzo Bortolot

Informazioni

Renzo Bortolot

Teoria, ritmica e percezione musicale
Curriculum Vitae.

ha iniziato lo studio dell’organo con la prof.ssa G.Franzoni e successivamente si è diplomato presso il Conservatorio di Musica “G.Rossini” di Pesaro, in Organo e composizione organistica e in Musica corale e direzione di coro, con i maestri O.Baldassarri e M.Perrucci.
Ha approfondito la sua preparazione musicale partecipando ad alcuni corsi di interpretazione organistica, tenuti da vari maestri, tra i quali: M.Radulescu, H.Vogel, L.F.Tagliavini, J.Langlais, T.Koopmann e A.Isoir.  Già organista della Cattedrale di Fano (PS), per diversi anni ha collaborato con il Coro Polifonico Malatestiano della stessa città.
Ha svolto attività didattica, come insegnante di Teoria e Solfeggio, presso diversi Conservatori di Musica; attualmente è docente titolare al Conservatorio “B.Marcello” di Venezia dove tiene anche i corsi di Fondamenti di acustica, Semiografia della musica antica e Semiografia della musica contemporanea, nel triennio ordinamentale.
Come organista, sia in veste di solista che di accompagnatore, ha al suo attivo numerosi concerti tenuti in varie località italiane e tedesche.
Ha effettuato ricerche in Cadore sugli antichi “canti patriarchini” i cui risultati sono stati pubblicati in:  “Il canto patriarchino di tradizione orale in area veneto-friulana e istriana.”  Atti del seminario di studio, Venezia, Fondazione Ugo e Olga Levi, 8-10 maggio 1997 - Vicenza, Neri Pozza, 2000 e “Tesori d’arte nelle Chiese dell’Alto Bellunese – La Val di Zoldo” (Volume e CD-Rom) - Belluno, Provincia di Belluno editore, 2005.
Interessato alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio organario antico, è tra i promotori e Direttore artistico della rassegna concertistica “Organi Storici in Cadore” che dal 1994 viene organizzata, nelle dolomiti dell’alta provincia di Belluno, dall’omonima Associazione e dalla Magnifica Comunità di Cadore.